Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito web utilizza i cookie. Continuando la navigazione ne autorizzi l’uso.

Menu

Un attimo sto arrivando

Cammino con gli asini 2016
Una camminata dall'Italia alla Svezia insieme a due asini. Un viaggio sostenibile con arrivo a Göteborg.

"L'idea ci è venuta, quasi per gioco, da una lettera nella quale si contrapponevano, il tempo, impiegato da un camminatore, con il tempo, impiegato da un aereo, per andare dall'Italia alla Svezia. Ciò, ha dato voce in noi ad un sentimento critico ed alla fantasia insieme. E così, un po' giocando e un po' prendendoci sul serio e , grazie ad incontri ed accadimenti di particolare suggestione, abbiamo deciso di provare a farlo questo cammino e più concretamente a progettarlo, partendo dal fondamento intorno al quale ruota tutta la pianificazione che è quello di camminare accompagnati da due asini".

"Sono trascorsi 2 mesi da quando ho indossato per la prima volta le mie nuove scarpe Lizard.
Era una mattina tranquilla con il cielo sereno, sono uscito di casa presto per andare a confrontarmi con il mio Maestro di tromba. Siamo rimasti separati tutto l'inverno, cinque lunghi mesi durante i quali ho studiato assiduamente, da solo, nella cucina del piccolo appartamento di Hisingen e qualche volta nell'atelié di Konstepidemin. “Ora devo recarmi da Luca per capire se sono pronto per oltrepassare il prossimo ostacolo”.
Sono montato sul primo autobus che mi ha portato fino a Buonviaggio, le mie nuove Kross Terra II Lizard erano incredibilmente leggere e fasciavano il mio piede con cura. Me ne ero accorto subito, ancora a casa, appena le ho calzate, ma non ci ho dato tanto peso perché dovevo consumare la mia colazione. Però quando sono uscito in strada ho notato che il grip sull'asfalto era particolarmente deciso e invitante. Giunto a Buonviaggio ho rinunciato alla coincidenza delle 8.10 e mi sono incamminato verso il paese di Vezzano. Una lieve ascesa continua di circa 3 km.
50 minuti di passi leggeri e aggrappanti. Un passo dopo l'altro ho goduto la luce crescente del
nuovo giorno sul Golfo dei Poeti, una nave da crociera stava manovrando fra le banchine del porto di La Spezia quando ho lasciato il versante sulla città. Passo dopo passo mi sono entusiasmato, ora fendevo l'est come se volassi a bassa quota. Neanche me ne sono accorto e già valicavo le strade che incrociano davanti al cimitero dell'antico borgo ligure, ho sorriso alla cima del Monte Sagro che staglia fra le Alpi Apuane e domina questo lembo di terra, incantato nella luce mattutina di tarda primavera.
Nel frattempo mia moglie Helena era laggiù, in un fazzoletto di terra verdeggiante affianco al gretto del fiume Magra, a prendersi cura di Aurora-Alba e Toni. Mi sono fermato a guardare la lontananza e come li avessi a portata di mano ho sussurrato: “Il nostro cammino sarà bellissimo e ora sono certo che cammineremo comodi e sicuri grazie alle nostre nuove scarpe Lizard”.
Da allora abbiamo camminato per diverse vie e sentieri sommando chilometri in compagnia dei
nostri asinelli. La fiducia fra di noi è cresciuta in maniera evidente, gli elementi che stiamo
mettendo insieme sembrano sposarsi organicamente alle esigenze del nostro gruppo.
Con ai piedi i sandali Lizard abbiamo guadato il fiume Magra passando dalla sponda di Ceparana a quella di Santo Stefano Magra... una sciocchezza, una prova di pazienza e di convinzione, una opportunità di crescita, un nuovo traguardo. Abbiamo raggiunto la città di Sarzana e siamo entrati nel chiostro del comune per presentare il nostro progetto. Io Helena Aurora-Alba Toni e con noi, fra gli altri... Lizard.

Un incontro fortuito, una scelta d'istinto, indovinata, e il corso degli avvenimenti aggiunge per noi una piega positiva".

Guarda il video!

unattimostoarrivando.blogspot.it